Il Piccolo Blog

Chi non ha tempo e fantasia non scelga cucine non componibili!

cucine non componibili

Come la modularità ha cambiato il mondo dell’arredamento

La modularità ha portato negli anni a rivoluzionare il mondo dell’arredamento, creando una serie di mobili, per ogni stanza, capaci di essere modellabili e componibili in base allo spazio disponibile. Per esempio, una libreria che si alza o si allarga in funzione di quanti metri in altezza e larghezza si possono occupare, che può dunque trasformarsi, con gli stessi moduli, in un mobile di piccole dimensioni o in uno enorme. Certamente si tratta di un modo di creare semplice e rapido, che ha standardizzato, pur lasciando ampi spazi alla personalizzazione, i componenti di arredo, contribuendo a abbassare i prezzi. Le cucine non fanno eccezione. Ma anche scegliere cucine non componibili porta a molte possibilità diverse, dando ancora più libero sfogo alla fantasia di ognuno.

Cosa sono le cucine componibili e che vantaggi portano

Una cucina componibile, di fatto, è composta, come dice il termine stesso, da più moduli. Essi si inseriranno come i pezzi di un puzzle nello spazio disponibile e si potranno combinare in vari modi, venendo incontro alle esigenze. I vari moduli, che vanno a creare i mobili, hanno dimensioni standard. Ma potendoli sistemare come si vuole, si potrà dare vita a una infinità di soluzioni. I vantaggi rispetto a cucine non componibili possono essere la rapidità di consegna e di montaggio e la libertà di composizione. Però si sfati il mito secondo cui non è possibile ottenere un buon risultato, estetico e funzionale, con metodologie diverse!

Le soluzioni con le cucine non componibili sono infinite… e oltre

Scegliendo cucine non componibili, infatti, il grado di libertà e di personalizzazione che si può raggiungere aumenta ancora. Non ci sarà nulla di standard, in quella cucina. I mobili non dovranno per forza essere di dimensioni multiple rispetto al modulo, per esempio. Si potrà venire incontro benissimo a esigenze magari un po’ particolari, visto che ormai le case sono multifunzionali e in cucina non si cucina solo: c’è chi desidera vivere lo spazio coi propri ospiti, chi la tiene a vista, chi desidera dividerla dal salotto.

Quando si parla di cucine componibili, anche se le soluzioni sono davvero moltissime e per ogni gusto, un certo grado di standardizzazione c’è comunque e per forza di cose. Per esempio, nei materiali. I produttori decidono di creare i moduli anche con più materiali che si accostano tra loro, partendo ovviamente dalle soluzioni più gettonate. Se qualcuno desidera qualcosa di diverso, si va su un modello personalizzato, quindi su cucine non componibili. Potendo invece decidere al 100% il proprio progetto, nessuno mette limitazioni per quanto concerne i vari mix di materiali. Come noto, le cucine si prestano a una lunga serie di soluzioni, dal legno che è un evergreen e porta una sensazione di calore domestico, sino al Fenix, che è il materiale più moderno che si conosce, all’acciaio o addirittura al vetro. E per quanto riguarda le combinazioni? Il legno, per esempio, può essere accostato al marmo. Oppure, il vetro si accoppia con diversi materiali, al fine di aggiungere raffinatezza alla propria composizione.

Non componibile, è la cucina adatta? Ecco i profili ideali per sceglierla!

Se però si desidera uscire dagli schemi e osare davvero, con qualcosa di realmente insolito, le cucine non componibili offrono una tavolozza bianca dove comporre la propria idea di cucina ideale. Naturalmente, per quanto concerne gli accostamenti ci sono limiti determinati dal buon gusto e dalla fattibilità, ma ciò non toglie che le possibilità di intervento siano molte.

Certo, le cucine non componibili  non sono adatte per chi non vuole investire tempo e cura nella progettazione dei propri spazi e desidera solo arredare in fretta.

Si prestano invece alla perfezione per appartamenti con metrature particolari, dove i mobili creati da moduli standard rischierebbero di non adattarsi alla perfezione, lasciando spazi inutilizzati, che penalizzano e sono poco estetici. Per case particolari e insolite, cucine su misura e pensate ad hoc!

Devi realizzare un progetto di Interior Design?
Devi arredare casa o un singolo ambiente?

Scegli una falegnameria di alto livello.
Contattaci

Il Piccolo, falegnameria a conduzione familiare di seconda generazione, apre il proprio showroom a Lugano. Con oltre 50 anni di esperienza, Il Piccolo porta con sé un bagaglio di conoscenze tecniche e progettuali di assoluto livello, grazie ai numerosi interni progettati e arredati in tutto il mondo. Inoltre, Il Piccolo rappresenta i brand più prestigiosi dell’arredamento mondiale.
Il Piccolo progetta, produce e vende il meglio dell’interior design made in Italy, seguendo il cliente dalla progettazione fino alla realizzazione, consegna e posa del lavoro, integrando il processo con un servizio di assistenza preciso e professionale. CONTATTACI

Il Piccolo, attivita’ di famiglia di seconda generazione, apre il proprio showroom a Lugano. Con oltre 40 anni di esperienza Il Piccolo porta con sé un bagaglio di conoscenze tecniche e progettuali di assoluto livello, grazie ai numerosi interni progettati e arredati in tutto il mondo. Inoltre, Il Piccolo rappresenta molti dei marchi

Iscriviti alla Newsletter

Altri articoli dal nostro blog

Scopri i trend dell'interior design nel 2021! Scarica l'e-book