Il Piccolo Blog

Dividere e arredare: i vantaggi di una libreria divisoria bifacciale

Come si può dividere un locale, soprattutto un living, della propria casa, in modo dinamico, scenografico e senza alzare una parete? Si pensi soprattutto agli open space che non hanno dei veri e propri locali e dove la sala sovente è collegata alla cucina (si parla di cucina a vista, infatti), con una concezione abitativa nuova. Una libreria divisoria bifacciale è un’ottima soluzione se nasce l’esigenza di creare dei sottospazi.

Magari si vuole infatti dividere la zona della cucina da quella prettamente del soggiorno, per esempio. Oppure all’interno della stessa sala si desidera avere diverse zone distinte, dando dinamicità se il locale è grande. Si può usare una libreria di questo genere anche in una stanza da letto (magari occupata da più figli) o abbastanza grande da poter essere divisa (le nuove tendenze per esempio amano mettere un divano in camera).

Cosa è una libreria divisoria facciale?

Una libreria capace di dividere il local eè la soluzione perfetta, perché  si adatta a qualsiasi ambiente e, come ogni libreria, dà sempre un bel tocco alla camera. A tutti piace infatti vedere un mobile con dei libri, in primis agli amanti della lettura, che non potranno farne a meno. Ma anche a livello di design, è un bell’elemento. Si possono disporre i volumi in modo scenografico e le ultime tendenze di design danno la possibilità di usare i ripiani per oggetti di arredamento, vasi, decorazioni.

Una libreria divisoria bifacciale, come si capisce dal termine stesso, divide delle zone di un locale unico o direttamente due locali, e può essere usata da entrambi i lati. Una opzione molto diversa da una parete, che speso comporta dei lavori in casa e ostacola il passaggio della luce. La libreria dona dinamicità e modernità e inoltre, essendo utilizzabile da entrambi i lati, è anche utile. Si tratta di un complemento d’arredo molto versatile, capace a differenza di una parete di far passare la luce, di donare privacy agli ambienti e di non chiudere gli spazi, lasciando una sensazione ariosa e fluida.

Sospesa, sino al soffitto, simmetrica, lineare. Quante soluzioni per la propria libreria

I modelli sono naturalmente tanti, diversi per stile e materiale. Come sempre, l’indicazione principale è di partire dall’arredamento della stanza in cui la libreria divisoria bifacciale andrà collocata. Se essa andrà nell’ingresso, è elegante non farla arrivare fino al soffitto, per permettere agli ospiti di intravvedere oltre essa il salotto. Al contrario, esistono modelli sospesi o da appendere al soffitto, che a volte non arriveranno fino a terra, ideali soprattutto se non devono contenere oggetti pesanti (insomma, le enciclopedia non sono adatte…).

La modularità dei complementi d’arredo permette a ciascuno di realizzare la libreria divisoria bifacciale che desidera. I vani, o nicchie, dove riporre libri e oggetti possono essere tutti della stessa forma e dimensione, oppure diversi per forma o grandezza. Possono essere disposti in modo simmetrico sulla larghezza e sull’altezza oppure no. Ovviamente, una soluzione più regolare donerà armonia e sarà utile se si devono riporre molti oggetti o libri sugli scaffali della libreria bifacciale divisoria. Se invece l’intento è soprattutto decorativo, scegliere combinazioni non lineari dona dinamicità e movimento. Quest’ultima opzione è indicata soprattutto in ambienti molto moderni e essenziali, dove design e funzionalità si intersecano.

Materiali, colori e illuminazione in una libreria divisoria bifacciale

Una libreria divisoria bifacciale può essere in svariati materiali. Uno classico è il cartongesso, per un locale classico e che accentua il calore domestico si può usare il legno. In ambienti più moderni è ideale anche il metallo e l’acciaio, materiali moderni per eccellenza. Per una opzione particolarissima e elegante, c’è il cristallo. E chi vuole davvero osare, si pensi a un modello girevole.

Anche sul colore, ampia libertà di scelta. Per meglio evidenziare gli oggetti contenuti nelle nicchie, essi possono essere sapientemente illuminati con giochi di led.

Devi realizzare un progetto di Interior Design?
Devi arredare casa o un singolo ambiente?

Scegli una falegnameria di alto livello.
Contattaci

Il Piccolo, falegnameria a conduzione familiare di seconda generazione, apre il proprio showroom a Lugano. Con oltre 50 anni di esperienza, Il Piccolo porta con sé un bagaglio di conoscenze tecniche e progettuali di assoluto livello, grazie ai numerosi interni progettati e arredati in tutto il mondo. Inoltre, Il Piccolo rappresenta i brand più prestigiosi dell’arredamento mondiale.
Il Piccolo progetta, produce e vende il meglio dell’interior design made in Italy, seguendo il cliente dalla progettazione fino alla realizzazione, consegna e posa del lavoro, integrando il processo con un servizio di assistenza preciso e professionale. CONTATTACI!

Il Piccolo, attivita’ di famiglia di seconda generazione, apre il proprio showroom a Lugano. Con oltre 40 anni di esperienza Il Piccolo porta con sé un bagaglio di conoscenze tecniche e progettuali di assoluto livello, grazie ai numerosi interni progettati e arredati in tutto il mondo. Inoltre, Il Piccolo rappresenta molti dei marchi

Iscriviti alla Newsletter

Altri articoli dal nostro blog

Scopri i trend dell'interior design nel 2021! Scarica l'e-book