Il Piccolo Blog

Le tendenze dell’Interior Design nel 2021

Tendense interior design 2021

Il modo in cui si vivono e si arredano gli spazi di casa continua a cambiare con una grande velocità. La casa è più che mai al centro delle nostre vite e l’attenzione con cui si cura il progetto d’arredo si riflette nei livelli di soddisfa-zione e di benessere di chi vive nell’abitazione. Tra novità e conferme, ecco i trend che saranno protagonisti dell’Interior Design di questo 2021.

Gli spazi che diventano “smart”

L’Internet of Things è un altro importante pilastro dell’Interior Design del 2021.
Gli spazi della casa diventano sempre più con-nessi e i dispositivi smart si guadagnano un ruolo di primo piano all’interno delle diverse stanze.
Assistenti virtuali, elettrodomestici controllabili da remoto e impianti domotici semplificano la gestione degli spazi domestici e contribuiscono a migliorare il benessere di chi vive in casa. Alla luce di ciò, il 2021 è l’anno giusto per integrare negli spazi casalinghi e negli ambienti di lavoro i sistemi domotici. Questi ultimi  monitorano e analizzano costantemente la situazione, per garantire in ogni momento il perfetto equilibrio tra la luminosità della stanza o dell’ufficio, la temperatura e la qualità dell’aria.

I colori caldi ispirati alla Terra

I colori che saranno dominanti nell’ Interior Design nel corso dei  prossimi mesi sono i colori caldi che ispirano tranquillità, benessere e relax. Sono i colori che richiamano i toni della terra, con sfumature che vanno dal beige al marrone scuro.

A completare la palette, c’è la gamma dei verdi ispirati al mondo vegetale e la gamma degli azzurri che richiama il colore del cielo e delle acque. Si può ricorrere a questa palette “naturale” tanto per decidere il colore delle pareti degli ambienti quanto per definire il colore degli accessori e dei complementi d’arredo, come i cuscini, le lampade o i vasi.

Lo stile cottagecore con una spolverata di vintage

Ha fatto capolino già nel 2020, ma è con ogni probabilità nei prossimi mesi che lo stile cottagecore esploderà in tutta la sua prorompenza. Ispirato a un’atmosfera rustica e bucolica, questo stile permette di fare un salto indietro nel tempo e di riscoprire i ritmi di vita e gli arredi dei vecchi casali di campagna.

Con il suo carattere un po’ nostalgico, caldo e ricco di dettagli,lo stile cottagecore si contrappone in maniera abbastanza netta  ad altri stili che sono stati protagonisti degli ultimi anni, come lo stile minimalista e quello nordico, caratterizzati da un approccio  decisamente più essenziale.

Ceramiche dipinte a mano, biancheria per la casa in cotone lavorata in maniera artigianale, carte da parati floreali e mobili in legno che non hanno bisogno di nascondere i segni del tempo sono alcuni degli elementi che si faranno spazio nel corso dell’anno nei progetti d’arredo. Pezzi d’antiquariato, accessori d’epoca e canovacci ripescati dal corredo delle nonne completano il quadro.

Gli uffici in casa modulari

Ha fatto capolino già nel 2020, ma è con ogni probabilità nei prossimi mesi che lo stile cottagecore esploderà in tutta la sua prorompenza. Ispirato a un’atmosfera rustica e bucolica, questo stile permette di fare un salto indietro nel  tempo e di riscoprire i ritmi di vita e gli arredi dei vecchi casali di campagna.

Con il suo carattere un po’ nostalgico, caldo e ricco di dettagli, lo stile cottagecore si contrappone in maniera abbastanza netta ad al-tri stili che sono stati protagonisti degli ultimi anni, come lo stile minimalista e quello nordico,
caratterizzati da un approccio decisamente più essenziale.

Spazi su misura per il benessere e la forma fisica

Sempre più spesso la casa diventa lo spazio in cui prendersi cura anche del benessere del corpo e della mente. È per questo motivo che un numero crescente di progetti d’arredo prevede la realizzazione di saune, spa private e palestre.

Gli spazi destinati al benessere vengono progettati in funzione delle esigenze di allenamento o di relax di tutti i membri della famiglia.

Le stanze dedicate alla cura della forma fisica si popolano di macchine multifunzione e panche, scelte per soddisfare chi punta ad allenare i muscoli. Si popolano anche di spazi che favoriscono la concentrazione, cioè di ambienti su misura per chi sceglie di praticare yoga e meditazione mindfulness.

Gli attrezzi di design sono una soluzione interessante per fare attività fisica senza rinunciare allo stile. Tappetini da yoga, palle per allenarsi e manubri hanno un aspetto curato in ogni dettaglio e linee eleganti. Ciò li rende oggetti con una grande capacità di arredare, anche nei momenti di pausa tra un allenamento e l’altro.

Questa opzione è ideale anche quando la palestra è in una stanza a vista oppure è vicina ai locali più frequentati della casa. Quali trend invece per il bagno? Il bagno diventa invece lo spazio in cui ricavare la propria spa domestica. Vasche con funzione idromassaggio, bagno turco, cromoterapia e aromaterapia sono una valida opzione per massimizzare il relax. Basta immergersi in acqua, abbandonarsi al massaggio dei getti d’acqua e lasciare che colori e profumi favoriscano il rilassamento per riconquistare una piacevole sensazione di benessere.

Un uso ottimale dell’energia, in casa così come in hotel

Il ruolo della tecnologia è sempre più centrale per garantire un uso efficiente delle risorse ed evitare gli sprechi. I sistemi smart installati in casa e in hotel permettono di controllare i consumi e di ottimizzare il livello di comfort di ogni stanza.

Attraverso l’uso di sensori è possibile in ogni momento monitorare la qualità dell’aria e filtrarla in automatico, quando ce n’è bisogno. Anche il consumo dell’acqua può essere ottimizzato, attraverso sistemi che evitano gli sprechi e le dispersioni.

La tecnologia può aiutare anche il riposo. I sistemi di monito-raggio del sonno permettono di analizzare le abitudini di riposo delle persone, per ricaricarsi di energia durante le ore notturne. Questo permette di vegliarsi subito pronti ad affrontare gli impegni della giornata successiva.

Nelle stanze di un hotel, la tecnologia è il miglior alleato di chi vuol offrire ai propri ospiti la migliore esperienza di soggiorno possibile. Le stanze di hotel smart permettono all’ospite di regolare la temperatura e l’intensità della luce naturale e artificiale, in modo da trovare facilmente la configurazione ideale per massimizzare il comfort. Questo dicono le tendenze per il 2021.

Bar e ristoranti? C’è bisogno di un’identità più precisa

La progettazione degli interni per le attività del settore della ristorazione è mirata a rendere riconoscibile e unico il locale. Gli spazi sono plasmati proprio in base all’identità del bar o del ristorante, ricorrendo a colori e materiali coerenti con lo stile e con la filosofia dell’offerta.

Gli interni e l’atmosfera del locale sono pensati per prendere per mano i clienti e portarli alla scoperta del luogo e dell’esperienza.  Per i progetti relativi a caffetterie e bistrò, le soluzioni che uniscono elementi vintage a soluzioni moderne sono un’opzione eccellente. Allo stesso tempo, per i ristoranti eleganti è preferibile puntare su arredi essenziali e realizzati in legno, pietra e metallo.

Atmosfere naturali e colori vivaci per gli spazi esterni

Tra le tendenze di interior design del 2021 non si può dimenticare la progettazione degli spazi esterni. Verande, patii e giardini diventano un prolungamento degli interni o uno spazio a sé stante da trasformare in un’oasi di tranquillità.

Nell’arredo degli spazi all’aperto il legno è un elemento centrale, usato da solo o in combinazione con metalli e fibre naturali per tavoli, poltrone e decorazioni. Il colore è il grande protagonista dell’arredo degli spazi esterni.

L’uso di colori vivaci e con personalità è un trend in crescita relativamente all’arredo di questa zona della casa. Gli elementi colorati vanno dosati e distribuiti con cura per creare un perfetto equilibrio tra le diverse componenti dello spazio.

A seconda di come è strutturato il progetto d’arredo, si può decidere di arredare l’ambiente con divanetti, tende o altalene. Per i tessuti e gli accessori presenti in questa zona della casa, via libera a colori brillanti e intensi, dal giallo al rosso, passando per il blu. Usati da soli, in combinazione tra loro o mixati ad elementi bianchi, questi colori contribuiscono a rendere accogliente l’ambiente e ancora più piacevoli i momenti trascorsi in outdoor.

In sintesi: l’outdoor è oramai un ambiente prezioso e oggetto di conseguente cura. Per esempio, si è passati dal semplice barbecue a vere e proprie cucine specifiche per l’esterno. Anche la zona relax, da semplice angolo di conversazione è divenuta un living vero e proprio, attrezzato con divani confortevoli, dondoli, poltrone.

Continua la tendenza del terrazzo…

Nelle scelte degli interior design che riguardano i rivestimenti a parete e le pavimentazioni, vediamo continuare la tendenza del terrazzo, sia originale che soprattutto nelle varianti fatte di gress e piastrelle.

Questi prodotti imitando la bellezza del famoso pavimento veneziano, aggiungendo la praticità del manufatto industriale così da abbatterne i costi. Si arriva fino a formati grandi, che raggiungono i tre metri di lunghezza. Le colorazioni sono svariate, dalle tinte neutre a quelle più audaci, con vari tipi di grandezza anche per quanto riguarda le texture.

…così come quella delle pietre naturali e dei marmi

Nelle pietre naturali. un must è rappresentato dal ceppo lombardo, raro e costoso, che
esprime un lusso contemporaneo minimale.
I marmi di riferimento rimangono invece il Calaccatta oro, il brown imeperador e l’in-tramontabile bianco Carrara. Un marmo che si è diffuso rapidamente e che prima era invece poco usato? Il Sahara Noir, che viene inserito in sempre più numerose collezioni.

Alle pareti? Carta da parati, ma non solo

La carta da parati rimane sempre di moda ed estende le proprie applicazioni soprattutto in ambito bagno, nella variante in fibra di vetro. Non esiste una grafica di riferimento. In effetti, grafiche di ogni tipo decorano bagni, scale e pareti del soggiorno o della camera da letto.
Viene fatto un grande utilizzo anche del ferro – ferro nero naturale –, trattato a cera o verniciato a polveri, per avere un look più ordinato. Con spessori di pochi millimetri, riesce a dar vita ad arredi minimali e sofisticati al tempo stesso, seppur dal design essenziale.

Il ferro è speso anche per mensole, rivestimenti in genere e inte-re librerie. Si tratta di un materiale una volta considerato come povero, soprattutto se confrontato con l’acciaio e l’ottone, ma che ora è tornato in auge e non più come scelta economica. Il ferrò è infatti considerato sempre più chic e ricercato.

Nelle pareti delle zone living, un must è il finto camino elettrico o a etanolo. Il camino riscalda gli ambienti e diventa smart, controllato da un telecomando. La bellezza del fuoco con la praticità dell’uso hanno decretato questo suo nuovo successo. Nessuno sforzo, nessun pericolo d’incendio e senza possibilità di sporca-re. Il tutto a portata di clic.

Il divano si trasforma e acquisisce una nuove identità

Per quanto concerne i divani, si fa strada la tendenza della composizione curva o arrotondata. Il divano diventa così un elemento marcatamente conviviale o proprio come nel caso del tavolo tondo si curva su se stesso per essere più raccolto e intimo, consentendo a tutti gli ospiti di guardarsi negli occhi.

Il divano, inoltre, tende sempre più a divenire un’isola attrezzata, includendo tavolo, tavolini, librerie e addirittura lampade. Insomma: si va verso l’idea di un elemento super confortevole, profondo e attrezzato di tutto punto per leggere, guadare la tv , usare i tablet, lavorare o anche fare un spuntino. Tutto ovviante con classe e con attenzione al design.

L’arredo di alta gamma affianca arredi dai design più basici o etnici


Il look della casa si stratifica, a seconda dell’ambiente. In questo modo, assieme ad arredi di grandissimo prestigio si possono trovare complementi di buon design, ma decisamente più economico. Ciò avviene soprattutto nelle stanze secondarie e meno di rappresentanza. Il denominatore comune, com’è ovvio che sia, rimane comunque un certo gusto, per evitare l’errore di pro-porre abbinamenti stonati.

In cucina le cappe diventano protagoniste

In cucina, vediamo il boom della cappe aspiranti al piano, che spariscono alla vista. Oppure, all’opposto di quella appena citata, si fa largo la tendenza delle cappe che diventano pensili aggiuntivi, dove riporre libri e piccole piante di aromi per cucinare.

In questo ambiente della casa, il marmo è stato in grande parte soppiantato da agglomerati sintetici a prova di macchia e urto. Si tratta di soluzioni pratiche da usare, in grado di durare molto a lungo, per la gioia di chi ama gli oggetti che nel tempo sanno acquisire un sapore di vissuto.

C’è anche da segnalare che prendono anche il metallo sta prendendo piede in cucina, soprattutto gli acciai satinati o colorati, anche miscelati a scaffalature in legno.

I tavoli da pranzo sono in marmo, principalmente di forma ovale, ovali allungati o a botte. I più prestigiosi sono realizzati in marmi rari ed esotici, che rendono l’oggetto unico e inimitabile.


La sedia della sala da pranzo diventa una poltroncina accogliente, dalle forme talvolta esagerate per enfatizzarne la presenza, il design e il confort.

Il noce si conferma il re tra i legni

Per quanto riguarda il legno, il predominio del noce rimane assoluto, la preferenza nei suoi confronti resta indiscussa.

In linea generale, un legno caldo o dai toni scuri è decisamente preferito ai legni chiari più freddi e nordici. Ricompare anche la paglia di Vienna, che evoca tempi passati e saperi antichi, enfatizzando il prodotto fatto a mano, dal momento che la sua lavorazione non è industrializzabile. Si tratta perciò di una finitura che mette sotto i riflettori il singolo dettaglio, aumentando così  la percezione di pregio dell’intero arredo.

Le librerie diventano più belle

Le librerie si alleggeriscono e assumono una funzione più estetica rispetto alla funzione di contenere. Diventano cioè degli scaffali eleganti, dove esibire qualche libro e oggetto importante.

Nella maggior parte dei casi, si ispirano alla famosa libreria di Albini, reinterpretandola in modo minimale, con nuovi legni e nuove finiture, così da renderla più preziosa, un vero e proprio must  per il living.

L’arte entra nelle case, a sottolineare il primato dell’estetica

Le case si popolano anche di oggetti d’arte, che contribuiscono a dare un accento colto e lussuoso agli interni.

Aumentano i collezionisti di oggetti di design, cioè persone di gusto che scelgono arredi in grado di rappresentare vere e proprie opere d’arte. Largo quindi ai tappeti, ai tavoli e alle madie molto ricercate e costose. Tutti prodotti in limited edition o perfino pezzi unici.

Il bagno? Una piccola spa casalinga

Il bagno è sempre più visto come mini spa personale e si popola di cabine doccia, che possono svolgere anche la funzione di bagno turco, cromoterapia e sauna.

Lo specchio tondo, meglio se retroilluminato e grande, è un altro elemento distintivo del bagno dal design ricercato.

Lampade minimal e preziose

Le lampade sono sempre più minimali e ricercate. Per esempio, giocano con cristalli trasparenti intersecati da profili metallici oro.

L’obiettivo è stupire per la leggerezza e la distorsione prospettica che si viene a creare. Da sottolineare anche i sistemi modulari a soffitto, che permettono di potare il corpo illuminante dove più lo si desidera, tracciando dei percorsi grafici nelle diverse stanze, giocando con i fili dell’alimentazione.

Largo spazio anche ai tappeti di pregio (purché moderni)

Il tappeto diventa sempre più moderno e rigorosamente su misura. Grandi tappeti delimitano le aree del living e della zona notte.

Le forme dei manufatti sono spesso irregolari e in seta vegetale. Si fanno largo le scelte ecosostenibili, come per esempio la seta di banano o la seta di bambù.

Devi realizzare un progetto di Interior Design?
Devi arredare casa o un singolo ambiente?

Scegli una falegnameria di alto livello.
Contattaci

Il Piccolo, falegnameria a conduzione familiare di seconda generazione, apre il proprio showroom a Lugano. Con oltre 50 anni di esperienza, Il Piccolo porta con sé un bagaglio di conoscenze tecniche e progettuali di assoluto livello, grazie ai numerosi interni progettati e arredati in tutto il mondo. Inoltre, Il Piccolo rappresenta i brand più prestigiosi dell’arredamento mondiale.
Il Piccolo progetta, produce e vende il meglio dell’interior design made in Italy, seguendo il cliente dalla progettazione fino alla realizzazione, consegna e posa del lavoro, integrando il processo con un servizio di assistenza preciso e professionale. CONTATTACI!

Altri articoli dal nostro blog

Scopri i trend dell'interior design nel 2021! Scarica l'e-book